Chiara Luise

Chiara Luise è un’artista autodidatta nata a Pavia nel 1990. Ha esposto in mostre personali e collettive in
Italia (Milano, Roma, Vigevano) e all’estero (Inghilterra, Germania, Cina). Attualmente vive e lavora tra
Vigevano e Milano.
Nei suoi lavori la figura umana assume un significato centrale, in quanto i corpi, e soprattutto i volti, sono un
significante importante, parte di un processo di crescita e di guarigione.
Le figure dei suoi lavori vogliono elevarsi a specchio della sua interiorità, e per empatia, dell’interiorità dello
spettatore o di chi si ritrova nel suo gesto. Il corpo è per l’artista la forma per eccellenza, perché è la più
immediata, quella a cui è più facile avvicinarsi e quella in cui è più facile riconoscersi. L’utilizzo del corpo le
serve quindi a portare avanti un’analisi psicologica, piuttosto che fisica.
In tutti i suoi lavori è possibile notare un fil rouge dato dal turbamento. La forza semantica della figura,
spesso rigida, è conseguenza dell’inquietudine di fondo che spinge l’artista alla necessità stessa di
esprimersi col suo lavoro. Tutto quello che raffigura permane statico, bloccato, in uno stato di potenza e
immobilismo.
Questa staticità è simbolo di un’inettitudine di fondo, non solo personale ma anche generazionale, nell’
adattarsi a un ambiente in cui il costante movimento impedisce spesso un’analisi interiore sufficientemente
accurata. Con il suo lavoro si pone quindi l’obiettivo di creare un tempo altro, in cui è possibile reclamare uno
spazio per le vulnerabilità umane spesso nascoste, e, così facendo, liberarle e poterne apprezzare la
bellezza.

Brucio, ma non per te

Dimensions – 50 cm x 70 cm Year of Production – 2020 Technique – Airbrush, acrylics, chalks and pastels on canvas

Abbraccio senza mani

Dimensions – 50 cm x 50 cm Year of Production – 2020 Technique – Airbrush, acrylics, chalks and pastels on canvas