Enrica Badas

Women's faces/ Model 86

Digital painting on photo (50 x 70 cm(

My Self

50x70 cm, 2021 Acrilico su tela
Nata a Cagliari, il 23/07/1968 luogo in cui attualmente vive e lavora. Disegna e dipinge da sempre, perfeziona ed amplia le proprie conoscenze tecniche grazie alla frequentazione di botteghe d’artisti, i suoi studi la portano lontana da quella che è la sua passione diventa avvocato.
Dal 2012 riprende il suo percorso artistico, lascia l’olio e sperimenta l’uso dei colori acrilici, che predilige sia perla loro finitura opaca che per la loro rapida asciugatura, che meglio si adatta all’immediatezza della sua tecnica, approda ad un suo stile che lei stessa definisce “astratto antropomorfo” in cui la figura umana sia nella sua interezza che in parte di essa diventa l’occasione per rappresentare e veicolare messaggi talora espliciti e talora enigmatici. 
La sua opera diviene sempre più astratta sperimenta l’utilizzo di oggetti semplici ma iconici come le lamette che ripropone su tela con colori acrilici creando delle forme che richiamano la vicenda umana più intima e spirituale. Riscopre il figurativo, le immagni ritratte diventano interpreti, simboli e metafora per veicolare messaggi e, la pittura è spontanea, immediata ma non casuale i colori sono intensi come peraltro le pennellate, tale ciclo di opere si evolve e la poesia da lei composta compenetra l’opera pittorica in un processo artistico in cui l’immagine viene ispirata dalla composizione poetica e viceversa, approdando ad uno stile personale che lei stessa definisce neoespressionismo poetico in cui tutt’ora l’artista continua la sua produzione. In periodo covid-19 sviluppa parallelamente un nuovo progetto ispiratole dall’isolamento domiciliare intitolato “Women’s faces! che è per il momento culminato in oltre 100 ritratti digitali ciclo tutt’ora in evoluzione ed in realtà ipoteticamente infinito in cui sperimenta un nuovo linguaggio artistico, parte da immagini catturate nei propri viaggi, nella vita
quotidiana, da giornali, riviste, libri, comunque di donne che la colpiscono e diventano tela, su cui dipinge su schermo digitale con le proprie dita o con l’ausilio di una apple pencil, fino a far emergere un altra donna, questo costituisce per l’artista il proprio manifesto per l’arte al femminile.
 
Mostre collettive
-2020 ha esposto l’opera “Suspended lives” alla mostra collettiva “Rinascimento Italiano” organizzata dalla Fondazione Mazzoleni presso lesale espositive,
in via Locatelli, 1 ad Alzano Lombardo (BG)
-2017 ha esposto le opere “ ROUTS IN THE SOUL” e “ILLUSIONE”presso il Museo MAAGMA di VillacidroSardegna, nel corso della FIERA D’ARTE MERCATO2017
-2015 ha partecipato con l’opera “L’anima di Castello” al concorso di pittura e scultura nonchè alla connessa mostra collettiva “Per Castello” Palazzo Regio,
piazza Palazzo n. 1 Cagliari
-2012 ha esposto l’opera “F 1793” alla mostra collettiva del “Per Castello” Palazzo Regio, piazza Palazzo n. 1 Cagliari ;
PREMI e CONCORSI
-2020 l’opera “Nuragical Metropolis” è stata selezionata nella fase 1 del “PREMIO MARCHIONNI 2020” sezione pittura
-2020 l’opera “Experiment 1” è stata selezionata nell’ambito del “PREMIO MARCHIONNI 2020 -sezione grafica”
-2017 l’opera “ROUTS IN THE SOUL” è stata selezionata nell’ambito del “ PREMIO MARCHIONNI 2017- sezione pittura”